Dormire male o non dormire affatto è talmente deleterio per il nostro organismo che esiste perfino una tortura incentrata sul non far dormire.

Terribile, in effetti, considerando che il sonno serve al nostro corpo e al nostro cervello per ricaricarsi e prepararsi agli impegni del giorno dopo.

Tanto che gli scienziati hanno accertato che ogni 30 minuti di sonno in più o in meno hanno una conseguenza sulla nostra salute a breve e a lungo termine.

Eppure, nei paesi Occidentali dormiamo sempre peggio.
Non proprio di meno, anche se, soprattutto in gioventù, questo sembra essere un vizio di molti.
Secondo una ricerca del 2016 di Science Advances, noi italiani ce la caviamo ancora abbastanza bene: dormiamo una media di 7 ore e 53 minuti a notte, che è molto vicino al livello giusto, al necessario (mediamente una persona dovrebbe dormire 8 ore per notte).

Il problema è anche a che ora andiamo a dormire: secoli e secoli hanno abituato il nostro corpo a seguire il ritmo della luce, per cui possiamo sostanzialmente dire che andando a coricarsi tra le 21 e le 23 si avranno i risultati migliori, in termini di riposo.
Noi italiani però andiamo mediamente a letto dopo le 23.30….

Dunque: quantità e qualità: sono necessarie entrambe.

Secondo ricerche recenti, basta dormire spesso solo 7 ore a notte per pagare pegno, negli anni, sul fronte della salute.

Sbadigliate spesso durante il giorno?
Vi sentite irritabili e/o stanchi?

Sono segnali che non dormite abbastanza o bene: correte ai ripari.
Gli strumenti per dormire bene ormai ci sono tutti: ottimi materassi, guanciali su misura, reti comode: tutto ad un prezzo ormai accessibile a chiunque (veniteci a trovare e vedrete).

Ma quali sono le conseguenze del dormire poco e male?

Molte sono legate al malfunzionamento del cervello che, privato del tempo del sonno, non riesce a fare o a completare operazioni che gli sono necessarie per un buon funzionamento.

E allora ecco spuntare: ansia, depressione, perfino paranoie, mentre rischieremo di essere troppo impulsivi (ovvero poco riflessivi), poco concentrati e con difficoltà di apprendimento.

Alcune di queste controindicazioni sono perfino pericolose (se fate un mestiere che vi porta ad usare strumenti pericolosi, meglio essere concentrati, no?)
Se vi siete impressionati, sappiate che quelli elencati non sono nemmeno i problemi più gravi, solo quelli legati ad una non eccessiva carenza di riposo.

Quello che non tutti sanno è che mentre dormiamo il nostro corpo produce sostanze disinfettanti per combattere i nostri naturali nemici: virus e batteri.
Dunque il sonno aiuta anche il nostro sistema immunitario, tanto che dormire poco per lunghi periodi espone a malattie croniche molto pesanti.

Non dilunghiamoci troppo: abbiamo capito che dormire è necessario, dormire bene è anche meglio!

Di controindicazioni ve ne sarebbero ancora parecchie da ricordare, ma non siamo qui per spaventarci.

Un’ultima nota la destiniamo a coloro che magari faticano a dimagrire, o ingrassano senza capire perchè.

Se dormite troppo poco infatti, il vostro corpo produrrà più insulina, cosa che favorirà l’aumento del grasso (e del rischio di diabete).